Giro del Monte Peller, camminare a 2000 metri tra verde e cielo

giro del monte peller
Giro del Monte Peller, camminare a 2000 metri tra verde e cielo
4.8 (95.56%) 9 votes

Una camminata di quelle proprio belle in un posto che definire spettacolare, beh… non ci pare abbastanza! Il giro del Monte Peller è assolutamente il prossimo itinerario da mettere in programma.

malga-clesera-giro del monte peller

Il Monte Peller è una montagna affascinante, magnetica, un mondo a sé con tanti paesaggi diversi e viste panoramiche bellissime. Si trova tra Val di Sole e Val di Non e per un pezzo è compreso nel Parco Naturale Adamello Brenta. È un monte particolare per i suoi vastissimi pascoli pianeggianti, che si colorano di fiori in primavera e sono di un verde intenso in estate.

Il Monte Peller è una montagna molto vasta e ci sono tantissimi percorsi possibili, anche traversate di più giorni che portano verso le Dolomiti di Brenta. Ma per cominciare a conoscere l’universo Monte Peller questo giro ad anello attorno alla cima è proprio la camminata perfetta.

giro del monte-peller-pian della nana

 

Giro del Monte Peller, il percorso

Il giro del Monte Peller è un percorso ad anello che gira letteralmente attorno alla cima del Peller. È una camminata in quota a circa 2000 metri con poco dislivello e per molti tratti su strada sterrata, senza particolari difficoltà. Lungo tutto il percorso state ben attenti perché potreste incontrare una famiglia di marmotte, il Peller è la loro casa!

Partenza dal lago Durigat, verso malga Clesera

L’itinerario parte dal parcheggio del lago Durigat (o lago di Durigiati a 1870 m) dove si può arrivare in macchina partendo da Cles. Il parcheggio è gratuito e non servono permessi per percorrere la strada che arriva fino a qui (per indicazioni più precise vedi sotto nei consigli).

giro del monte peller-lago dorigat

Dal lago Durigat si imbocca la strada sterrata con segnavia 313 camminando per tutto il primo tratto in leggera salita. Questa è la strada che porta al rifugio Peller, che si trova poco più in alto sul crinale, ma arrivati al bivio invece di salire fino al rifugio seguendo il 313 si continua dritti sullo sterrato che porta a malga Clesera.

Si cammina qui sul versante settentrionale del Monte Peller, con una bellissima vista sulle Maddalene e sulla Val di Sole. Si continua a seguire la strada sterrata in piano fino ad arrivare a malga Clesera (1889 m) che si trova proprio sotto la cima del Peller, che su questo versante mostra il suo cuore di roccia.

Poco prima della malga, guardando sulla destra, c’è un bellissimo scorcio con la cappella della Madonna della Neve su un piccolo dosso tra gli alberi (la foto di copertina).

malga-clesera-monte peller

 

Da malga Clesera al Passo della Forcola

Continuando sulla strada sterrata superata la malga, si incontra il sentiero 308 che sale da Malé sul versante nord del Peller e lo si imbocca andando sempre verso sinistra per continuare il giro. Abbandonata la strada sterrata e la piccola conca dov’è costruita la malga, si cammina sul sentiero tra gli alberi risalendo verso il lago delle Salare e il Passo della Forcola.

Questo tratto del giro del Monte Peller è molto suggestivo, si cammina in un bellissimo bosco di larici che si apre in spaziose radure. Vale la pena provare il sentiero anche in autunno quando i larici si infiammano di un bel color arancione, rendendo il paesaggio davvero spettacolare.

foliage trentino

Continuando a salire sul sentiero si arriva a un bivio: da qui si può decidere di continuare sulla sinistra salendo direttamente al passo della Forcola sul sentiero più breve e più ripido, oppure tenersi sul sentiero 308 che passa nella bellissima radura costeggiando il piccolo lago delle Salare, per poi svoltare sulla sinistra e risalire sempre verso il Passo della Forcola. Questo breve tratto allungherà un po’ il percorso, ma salendo in costa da questo lato la salita fino al passo sembrerà meno impegnativa.

Ecco che dopo questa breve salita, dove si supera il dislivello maggiore dell’intero itinerario, si arriva al Passo della Forcola a 2104 metri di altitudine, il punto più alto del giro del Monte Peller. La vista dalla Forcola è bellissima su tutti e due i versanti e come sempre quando si raggiunge un passo, arrivati qui sembrerà di aver fatto una piccola ma grande conquista.

lago-delle-salare-giro del monte peller

 

Il rientro per malga Tassulla

Raggiunto il Passo della Forcola si è arrivati alla metà dell’intero itinerario e da qui si continua il giro sul versante sud del Monte Peller. Da questa parte il paesaggio è molto diverso, non ci sono alberi e i pascoli (di un verde intenso in estate) arrivano fino alle cime. Ma quel che attira subito lo sguardo è la fantastica vista sul Pian della Nana, una distesa di pascoli circondata da cime rocciose che va giù fino al Sasso Rosso.

giro del monte peller-val di non

Dal Passo della Forcola si segue quindi il sentiero che scende verso sinistra lungo il costone erboso, fino a raggiungere la strada sterrata (segnavia 336) che porta dritto a malga Tassulla. Dopo aver visto la parte rocciosa a nord, da qui il Monte Peller non si direbbe nemmeno la stessa montagna, infatti su questo versante assomiglia più a un grande panettone erboso.

Il giro prosegue lungo la strada sterrata (segnavia 336) che dalla malga Tassulla percorre tutto il versante a sud-est del Peller puntellato qua e là di piccoli abeti, fino a rientrare al parcheggio Dorigat facendo l’ultimo tratto in discesa.

giro del monte peller-val di non

 

Consigli e info utili

Il giro del Monte Peller si può percorrere in tutte e due le direzioni partendo sempre dal lago Durigat. Si può quindi anche salire subito verso malga Tassulla, da lì arrivare al Passo della Forcola e poi rientrare per malga Clesera. Tutto il primo tratto fino alla Tassulla è in salita, mentre percorrendo il giro nel senso opposto lo stesso dislivello può risultare un po’ meno impegnativo.

Tempi e dislivello

Per l’intero giro si impiegano circa 3 ore e mezza e si superano sia in salita che in discesa circa 230 metri di dislivello. Il punto di partenza (lago Durigat) si trova a 1870 metri e il punto più alto (Passo della Forcola) a 2104 metri. Il percorso è lungo circa 9 chilometri e mezzo.

Come arrivare sul Peller in macchina

È possibile arrivare fino al parcheggio del lago Dorigat in macchina partendo da Cles, in tutto sono circa 17 km. La strada è nel primo tratto asfaltata, fino alla località Verdé, e dopo si continua sullo sterrato. Questo tratto può essere sconnesso e con buche, quindi si consiglia di percorrerlo con una macchina abbastanza alta, adatta a questo tipo di strade. Da Cles per imboccare la strada si seguono le indicazioni per la località Bersaglio e poi per il rifugio Peller.

giro-del-monte-peller

 

Nota bene

Prima di intraprendere una camminata in montagna studia l’itinerario aiutandoti con una cartina e portala con te durante l’escursione. Indossa scarpe e abbigliamento adeguato e porta sempre con te uno zaino con una borraccia d’acqua, vestiti pesanti e una giacca a vento. Non abbandonare i sentieri segnalati.

Durante le tue camminate in montagna rispetta l’ambiente che ti ospita. Non disturbare gli animali e non dar loro da mangiare, non accendere fuochi, non raccogliere fiori e piante e non abbandonare rifiuti lungo il sentiero.

 

Un grazie particolare a Chiara Fioretta per i consigli e le indicazioni preziose.

Credits: per l’immagine di copertina @kittifrnd
Per le immagini del post, in ordine: Mary Pinamonti, Matteo Widmann, Elena Paternoster, Victor Cles, @ilovevaldinon, GioAnna,Marco Formolo, Chiara Fioretta,  @ilovevaldinon.

Redazione

Creiamo progetti per il web, elaboriamo idee e strategie per il web marketing, esploriamo i social media e sviluppiamo contenuti. La Val di Non l'abbiamo conosciuta, studiata, amata. Ve la raccontiamo in un modo tutto nuovo. Per sapere cosa possiamo fare per la tua azienda Clicca qui

Potrebbero interessarti anche...