La trasformazione più importante nella storia recente della Val di Non

Sono molti i cambiamenti nella storia recente della Val di Non, ma negli anni ’50 uno più di tutti ha segnato una profonda trasformazione nel paesaggio.

Il tempo trasforma il luoghi che conosciamo, ci si abitua al nuovo e la memoria di quel che era si perde nei racconti dei nonni. Per questo quando ritroviamo una vecchia fotografia oppure, rovistando nelle vecchie scatole in soffitta, ci troviamo in mano qualche cartolina in bianco e nero, sappiamo che si tratta di qualcosa di prezioso.

Sono immagini che ci raccontano un pezzo di storia di quel che non c’è più, ci fanno vedere come si è trasformato quel che oggi conosciamo così bene.

 

Val di Non tra storia e memoria

Non sempre i cambiamenti sono lenti e impercettibili, in Val di Non il paesaggio ha subito un forte e netto cambiamento all’inizio degli anni ’50 con la formazione del lago di Santa Giustina.

storia-val-di-non-diga-santa-giustina-compressor

Dopo la costruzione della diga nel 1951, un’opera per l’epoca davvero straordinaria, si procede all’invaso del bacino. Le acque del Noce a poco a poco sommergono boschi, prati, terreni coltivati, fino a coprire circa 406 ettari di terreno.

storia-val di non-lago di santa giustina-diga

storia-val di non- lago di santa giustina-diga

 

Storia sommersa

Com’è avvenuto per molte valli del nord Italia, questa forte trasformazione ha fatto sì che molte tracce, molti segni andassero perduti, sommersi dall’acqua. Ma quando il livello del lago scende, per manutenzione o per motivi di gestione della centrale idroelettrica, si vede riaffiorare un paesaggio quasi lunare, modellato negli anni dall’azione dell’acqua.

storia-val di non-lago di santa giustina-ponte sommerso-emiliano leonardelli

È un paesaggio affascinante, che stimola la curiosità e porta tanti sulle sponde brulle del lago a scattare fotografie, prima che l’acqua torni a ricoprire tutto. Ci sono alcuni segni che sono rimasti intatti, come il ponte dei Regai sul rio di San Romedio, il primo a riaffiorare appena il livello cala, incredibilmente integro, come se non sentisse il peso degli anni e dell’acqua.

Sono passati quasi 70 anni e sono sempre di meno le persone che si ricordano come fosse la valle prima del lago. Proprio per questo le vecchie immagini che ci mostrano il paesaggio della Val di Non prima della costruzione della diga sono interessanti e davvero preziose.

 

Credits: per l’immagine di copertina e la terza del testo Fabio Bartolini, per la quarta immagine del testo Emiliano Leonardelli.

Cosa ne pensi?
Redazione

Redazione

Creiamo progetti per il web, elaboriamo idee e strategie per il web marketing, esploriamo i social media e sviluppiamo contenuti. La Val di Non l'abbiamo conosciuta, studiata, amata. Ve la raccontiamo in un modo tutto nuovo. Per sapere cosa possiamo fare per la tua azienda Clicca qui

Potrebbero interessarti anche...