Castello d’Altaguardia. La meta di cui non potete fare a meno

La cosa che dovrebbe essere in una lista di cose da fare assolutamente in Val di Non è: andare al Castello d’Altaguardia. Costruito a 1280 metri d’altitudine è il castello più alto del Trentino.

Il castello ha origini antichissime, come molti castelli nonesi, da ricercare nei tempi più lontani quando i Romani avevano stabilito dei siti in zone di particolare importanza per la sorveglianza delle vie di comunicazione.

Il castello appartenne ai Livo e poi alla fine del Trecento passò ai Thun, nella sua storia ci sono saccheggi e incendi ma il suo definitivo abbandono risale alla fine del Settecento e, circa un secolo dopo, la famiglia Thun lo vendette al comune di Bresimo. Alcuni anni fa, un’importante opera di restauro ne ha portato alla luce la grande, anche se ferita e mutila, bellezza.

Questa per sommi capi la vicenda storica del castello più alto del Trentino, coinvolto in diatribe familiari, guerre rustiche e di supremazia e dal quale si sorvegliava buona parte della valle e addirittura, almeno secondo le fonti, nelle giornate limpide, dal castello è possibile vedere fino a Castel Thun.

Altaguardia I love val di non 3

Che sia il castello costruito più in alto di tutto il Trentino può rappresentare già una buona ragione per raggiungerlo, per metterlo tra le mete da conquistare, ma a conti fatti possiamo dire che tra tutte le ragioni, non è certo la più importante.

Andare ad Altaguardia è un’esperienza. Si, è un insieme di fatica, emozioni e impressioni che si confondono tra loro e ti provocano quella sensazione forte che solo i luoghi molto speciali riescono a suscitare. Sarà la distanza da tutto; non una distanza misurabile in metri o chilometri, una distanza più ideale.

E’ come se i ruderi di uno dei castelli più importanti della valle stessero lì, in una bolla un po’ fuori dal tempo e se riesci a entrare in quell’orbita puoi sentirne ancora l’atmosfera fiera e possente delle epoche passate, la stessa fierezza che conserva ancora intatta il suo stesso nome.

Altaguardia I love val di non 4

Se riuscirete a raggiungerlo in una giornata tranquilla, con pochi altri visitatori o se addirittura sarete soli potrete godere appieno di questa atmosfera così difficile da descrivere a parole.

In qualunque altro caso, non potrete comunque non godere di una vista spettacolare sulla valle e sui monti circostanti e, se avrete bisogno di un aiuto per orientarvi, un pannello esplicativo vi racconterà quali sono le montagne che state fotografando anche solo con lo sguardo.

Altaguardia vista I love val di non

Indicazioni:

In val di Bresimo, si può raggiungere a piedi il castello di Altaguardia seguendo due sentieri molto piacevoli nel bosco, uno si imbocca poco prima della frazione di Baselga, l’altro da Bresimo passa per la frazione di Bevia.

Dal tornante in corrispondenza del rio castello, appena prima di arrivare alla frazione di Baselga, imboccate il sentiero indicato che sale al castello superando circa 280 metri di dislivello in 45/60 minuti a seconda del passo.

Da Bresimo, con la chiesa di San Bernardo alle spalle, imboccate la strada asfaltata che sale verso Bevia, proseguite in piano tra le case e una volta fuori dal paese prendete la strada sulla sinistra (segnavia 149), che diventa sterrata e porta al castello.
Dopo un panoramico tratto che sale dolcemente, si raggiunge un altro bivio, da cui è possibile proseguire su entrambe le strade, prendendo a sinistra si raggiunge il castello da sopra, a destra il percorso perde un po’ di quota e si congiunge a quello che parte da Baselga, risalendo poi al castello da sotto. Il percorso supera 250 metri di dislivello, in circa un’ora di cammino.

 

Cosa ne pensi?
Sara Filippi

Sara Filippi

Storica dell'Arte e anche architetto, mi piace il web, mi piacciono le strategie, i contenuti e la comunicazione. Faccio questo. L'idea mi fulmina nel sonno. Dormo poco, ma trovo soluzioni.

Potrebbero interessarti anche...