Signore e signori, il Museo Retico

Vicino a Sanzeno, un’architettura contemporanea racchiude un piccolo museo che racconta la storia antichissima di una terra, la sua gente e la sua arte. É il museo Retico.

Vi chiedete cosa vuol dire Retico? I Reti erano una popolazione alpina, estinta nel III secolo, che si era stabilita tra Italia nordorientale, Austria, Svizzera e Germania meridionale.

I Reti, vissuti tra il sesto e il primo secolo a.C. parlavano la lingua retica e il loro alfabeto era simile a quello etrusco. Conquistati dai romani tra il 15 e il 16 a.C. furono inseriti nella provincia detta Rezia. Sanzeno è uno dei più importanti luoghi di ritrovamento di reperti archeologici riferibili al popolo retico e, dopo la conquista, a quello romano.

museo retico i loe val di non

 

Il museo è un raro esempio di edificio contemporaneo realizzato ad hoc per la sua funzione e sicuramente è interessante per chi è curioso di architettura moderna.

La collezione non è certo vasta ma senza dubbio preziosa e certamente valorizzata da un allestimento che non dovendo fare i conti con il grande numero di opere riesce a definire un percorso di conoscenza che è anche poetico. L’idea è quella di suggerire una sorta di viaggio nel tempo che dalla preistoria arriva all’alto Medioevo.

 

Museo-retico-di-Sanzeno_Credits foto Michelon

 

Il museo è attrazzato con sale per video, incontri e conferenze, ma anche spazi per mostre temporanee, attività e laboratori didattici, infine, una sezione è dedicata alla biblioteca archeologica.

Se siete tra quelli che amano sapere le storie di come avvengono ricerche e ritrovamenti poi, troverete molto interessante il percorso che racconta delle ricerche archeologiche nell’area di Sanzeno dall’ Ottocento ai giorni nostri.

Un museo particolare e per molti aspetti unico che vale davvero la pena conoscere, ha un solo difetto, rimane chiuso da novembre a fine febbraio.

 

 

Museo Retico
Sanzeno, località Casalini

Dal 1 marzo al 19 giugno e dall’11 settembre al 31 ottobre sabato, domenica e giorni festivi ore 14-18; chiuso gennaio, febbraio, novembre, dicembre;
dal 20 giugno al 10 settembre da martedì a domenica ore 10-13 / 14-18

Scuole e gruppi  (almeno 10 persone)
Da marzo a giugno aperto previa richiesta con almeno 10 giorni di anticipo, da inviare tramite e-mail a [email protected] o via fax al numero 0461 492160

 

Credits: per l’immagine di copertina visittrentino.it; per la prima immagine del testo ilovevaldinon.it; per la seconda immagine del testo Elettro Light.it

 

 

Cosa ne pensi?
Redazione

Redazione

Creiamo progetti per il web, elaboriamo idee e strategie per il web marketing, esploriamo i social media e sviluppiamo contenuti. La Val di Non l'abbiamo conosciuta, studiata, amata. Ve la raccontiamo in un modo tutto nuovo. Per sapere cosa possiamo fare per la tua azienda Clicca qui

Potrebbero interessarti anche...