Giro alle cascate del Saènt, spettacolo puro in Val di Rabbi

Uno di quei giri che appena finito, vien subito voglia di rifare! Le cascate del Saènt in Val di Rabbi sono una meta davvero imperdibile, una passeggiata spettacolare che entrerà subito nella lista delle vostre preferite.

Lo diciamo spesso, le cascate hanno un fascino magnetico, quando all’inizio dell’estate sono cariche dell’acqua che vien giù dalle cime, sono veramente uno spettacolo indimenticabile.

Anche con i bambini, la cascata è sempre una meta che fa felici e che rimane impressa nei ricordi.

Insomma, tra le cascate da vedere in Trentino, quelle del Saènt si conquistano senza dubbio un posto in prima fila. La camminata per raggiungerle è davvero molto bella e non troppo impegnativa, e vedrete, lo stupore nel trovarsi di fronte alla cascata sarà davvero tanto.

cascate di Saent
cascate del Saènt – by Andreas Tamanini

Dove sono le cascate del Saènt?

Le cascate del Saènt (o di Saènt) si trovano in Val di Rabbi, valle laterale della Val di Sole, a circa 1700 metri di altitudine. Si dividono in cascate basse e cascate alte e si possono raggiungere solo a piedi.

Sono formate dal torrente Rabbies che nasce più su, dai laghetti Sternai ai piedi della Cima di Saènt, proprio nel cuore del Parco naturale dello Stelvio.

QUI LE CASCATE DI SAÈNT SULLA MAPPA

sentiero cascate di saent
by Paolo Bonani

Itinerario per le cascate di Saènt

Il percorso che vi raccontiamo è quello che permette di raggiungere le cascate basse di Saènt, partendo dal parcheggio Coler in fondo alla Val di Rabbi. Invece di fare il giro classico, quello che sale prima a malga Stablasolo, questo itinerario risale prima tutto il torrente fino alle cascate per raggiungere poi la malga al ritorno.

I camminatori instancabili potranno allungare il percorso, raggiungendo anche le cascate alte (vedi sotto nella descrizione).

Partendo dal parcheggio Coler iniziamo il percorso tenendoci sulla destra del torrente (sinistra orografica), senza attraversarlo, sul sentiero geologico ST4. Risaliamo tutto il vallone su questo sentiero, per circa 2 km, seguendo sempre il corso del torrente Rabbies. Si cammina al fresco nel bosco, un itinerario perfetto anche per le calde giornate d’estate.

cascate del Saènt – by Paolo Bonani

Superato il punto in cui con un ponte si congiunge da sinistra il sentiero che arriva da malga Stablasolo, si intravedono i primi salti d’acqua delle cascate. Da qui il sentiero inizia a salire con piccoli tornanti, ben protetto da ringhiere di legno.

La salita è breve ma… è salita! Quindi prendiamola con calma e godiamoci le bellissime viste sul torrente che scroscia.

sentiero cascate del saent
cascate del Saènt – by Andreas Tamanini

Saliamo ancora fino a portarci davanti alla bellissima cascata del Saènt in corrispondenza del ponte di legno. Questo è sicuramente il punto più spettacolare del giro. Dal ponte si può ammirare la bellissima e imponente cascata, che all’inizio dell’estate sarà gonfia d’acqua, e godersi gli schizzi freschi.

Passato il ponte si sale ancora un po’ fino a congiungersi col sentiero 106.

cascate di saent
cascate del Saènt – by Andreas Tamanini

Da qui, per chi ha ancora gambe, è possibile salire ancora fino al punto panoramico Doss de la Cros, e poi continuare percorrendo la piana di Saènt fino alla malga per raggiungere poco dopo le cascate alte. Questa variante aggiunge (andata e ritorno) circa 2,5 km e 200 m di dislivello in salita.

Tornando al nostro bivio col sentiero 106, da qui inizia la discesa. Dopo alcuni piccoli tornanti, si continua dritti fino al punto informativo, e ancora si continua la discesa fino ad arrivare alla malga Stablasolo, punto di ristoro.

Dalla malga, su strada bianca, si rientra al parcheggio Coler chiudendo il giro.

malga stablasolo
malga Stablasolo – by Andreas Tamanini

Variante breve da malga Stablasolo

Per chi vuole accorciare il percorso, è possibile partire direttamente dalla malga Stablasolo usufruendo in estate del servizio Stelviobus – qui le info, una navetta che vi condurrà fino alla malga. In questo modo, dalla malga, si scende sempre per raggiungere il torrente, si passa il ponte, e poi si segue lo stesso percorso.

Questa variante accorcia notevolmente l’itinerario, senza perdere il fascino del giro alle cascate. Il giro dalla malga è di 2,5 km e si superano circa 230 metri di dislivello in salita.

ATTENZIONE! Non sono ancora disponibili le informazioni sulle modalità di attivazione del servizio bus navetta per l’estate 2020.

Cascate di Saènt, percorso in breve

  • PARTENZA: Parcheggio Coler, (1375 m circa) – qui sulla mappa
  • ARRIVO: Cascate di Saènt,  (1700 m circa) – qui sulla mappa
  • LUNGHEZZA: 5,6 km circa – giro ad anello
  • DISLIVELLO IN SALITA: 380 m circa – gli stessi in discesa
  • TEMPI: 2.30 h circa – giro ad anello  – il tempo di percorrenza può variare a seconda del passo e delle soste
  • RITORNO: giro ad anello
  • SENTIERI: percorso geologico ST4, sentiero 106
  • VARIANTE: il percorso si può fare ugualmente nel verso opposto, o variante breve da malga Stablasolo con navetta
  • INFO: il percorso non è adatto ai passeggini
  • PUNTI RISTORO: Malga Stablasolo qui sulla mappa
torrente rabbies
by Andreas Tamanini

Come arrivare al parcheggio Coler

Il parcheggio Coler si trova in fondo alla Val di Rabbi. Per raggiungerlo, si percorre la strada che risale la valle SP 86 fino al bivio per Piazzola. Qui si sale a destra e ci si porta in quota, si continua a sinistra fino a superare la frazione di Piazzola in corrispondenza della chiesa.

Si continua sulla strada che si insinua stretta tra alcune case e poi continua fino a inoltrarsi nel bosco. Dopo poco si arriva al parcheggio Coler, che in estate è gestito e a pagamento (tariffa 5 euro/giorno). Troverete qui un punto informativo, un parco giochi, bagni pubblici e un punto ristoro.

PARCHEGGIO COLER SULLA MAPPA


CREDITS: per l’immagine di copertina Andreas Tamanini

Redazione

Creiamo progetti per il web, elaboriamo idee e strategie per il web marketing, esploriamo i social media e sviluppiamo contenuti. La Val di Non l'abbiamo conosciuta, studiata, amata. Ve la raccontiamo in un modo tutto nuovo. Per sapere cosa possiamo fare per la tua azienda Clicca qui

Potrebbero interessarti anche...