3 buoni motivi per godersi la montagna in autunno

L’autunno anche in Val di Non quando arriva si fa vedere e si fa sentire, la natura si colora, le giornate si accorciano, l’aria si fa frizzantina. Ma se vi piace andare in montagna non è tempo di appendere gli scarponi al chiodo, c’è più di un motivo per cui vale la pena godersi la Val di Non in versione autunnale.

La natura cambia colore

Certo, il primo e più ovvio motivo per cui vale la pena avventurarsi sulle montagne nonese in autunno è sicuramente lo spettacolo della natura che magicamente cambia colore. Camminare in un bosco autunnale vi riempirà gli occhi di meraviglia, dalle prime foglie che cambiano colore, alle grandi chiome rosse, brune, dorate che si vedono proprio a fine ottobre, fino a quando le prime foglie cadono e i sentieri si trasformano in un tappeto multicolore. La natura si placa dopo il fervore estivo, tutto si trasforma e si prepara alla quiete dell’inverno. Per non farvi prendere dalla malinconia ripensando all’estate passata, uscite a fare una passeggiata per godervi i colori e la pace della natura autunnale.

autunno_ilovevaldinon

 

Sentieri meno affollati

Se dell’estate non amate la calca sui sentieri di montagna più frequentati, allora una camminata in autunno è proprio quello che fa per voi. Anche i percorsi di solito più battuti sono infatti più tranquilli e accessibili, non sarete costretti ad accostare ad ogni curva per lasciar spazio ad altri escursionisti. Quindi non mettete via scarpe da trekking e scarponi, ci sono ancora giornate limpide che vi aspettano prima delle grandi nevicate, per andare proprio su quella cima che non siete riusciti a conquistare nell’estate appena passata.

autunno_coredo_lorenameglioli

 

Camminare al fresco

Le temperature iniziano ad abbassarsi, ma ancora non sono rigide come quelle invernali e nelle belle giornate autunnali il sole si farà comunque sentire. Se già durante l’estate siete tra quelli che vanno in montagna per cercare un po’ di fresco, in autunno non avrete nemmeno bisogno di salire troppo di quota. Se poi per evitare il caldo estivo la partenza è di solito fissata alle 6 del mattino, in autunno almeno potete dormire qualche ora in più! Se invece avete trovato una giornata particolarmente fredda, pensate al buon piatto caldo che vi aspetta all’arrivo in malga. Infatti la maggior parte delle malghe in Val di Non, soprattutto quelle a quote medio-basse, restano aperte almeno fino alla fine di ottobre e qualcuna anche fino a novembre.

autunno_luco_elisabattocletti

 

 

Credits: per l’immagine di copertina Margherita Giacomuzzi, per la prima immagine del testo Ilovevaldinon, per la seconda immagine del testo Lorena Meglioli, per la terza immagine del testo Elisa Battocletti.

Cosa ne pensi?
Redazione

Redazione

Creiamo progetti per il web, elaboriamo idee e strategie per il web marketing, esploriamo i social media e sviluppiamo contenuti. La Val di Non l'abbiamo conosciuta, studiata, amata. Ve la raccontiamo in un modo tutto nuovo. Per sapere cosa possiamo fare per la tua azienda Clicca qui

Potrebbero interessarti anche...