Perché andare in malga è un piacere a cui non devi rinunciare

Una giornata in malga è d’obbligo per chi trascorre l’estate in montagna. In tutto il Trentino Alto Adige le malghe sono tantissime e noi vi diamo tanti buoni motivi per cominciare a scoprirle.

Non si può dire estate in montagna se non si sale almeno una volta in malga. Sì, perché le malghe sono luoghi dove rilassarsi, gustare qualcosa di buono, assaggiare e anche acquistare prodotti locali, dove i bambini si fanno conquistare dagli animali al pascolo e dove anche i grandi possono riscoprire la bellezza delle cose semplici.

malga kessel

 

Ma cos’è una malga?

Quando si cammina per i sentieri di montagna, soprattutto all’inizio dell’estate, nei prati c’è una fine erbetta fresca che ha un profumo incredibilmente buono. E se le mucche mangiano erba buona, il latte sarà ottimo e i formaggi che farà il casaro saranno squisiti.

Questo è uno dei motivi per cui in estate le mucche vengono portate in montagna, nella malga, dette anche alpeggio. Con questo termine si intendono sia i pascoli in quota, di solito a partire dai 600 metri di altitudine fino anche ai 2000/2500 metri (a seconda delle zone), sia tutte le costruzioni che ospitano gli animali e chi se ne occupa.

malga di coredo

Solitamente c’è la stalla dove avviene la mungitura delle mucche, i locali dove si fa il formaggio, e poi la casa, o un piccolo alloggio, dove vivono i pastori, il casaro e tutti quelli che si occupano della gestione della malga.

Le mucche salgono in malga all’inizio dell’estate, verso l’inizio di giugno, e stanno al fresco sui monti fino alla fine di settembre, quando avviene la desmalgada. In molte località la desmalgada è una vera e propria festa, le mucche vengono abbellite con fiori e campanacci e tutti insieme si torna a valle a piedi, per trascorrere l’inverno al riparo.

malga di coredo

Non è raro che in malga vengano portati anche altri animali. Si trovano in molte cavalli che pascolano liberi, ma anche maiali, conigli, asini, anatre, insomma una vera e propria piccola fattoria in quota. Molto spesso ci sono anche le capre che vengono lasciate libere di pascolare anche ad altissime quote, sulle creste dei monti.

 

Perché andare in malga?

Soprattutto in anni recenti, molte malghe in Trentino sono state ristrutturate e ammodernate, e in tantissime i gestori offrono anche un punto di ristoro. In alcune si trovano locali molto semplici e spartani, in altre anche sale ristorante più grandi, ma in tutte si possono assaggiare ottimi piatti tipici preparati spesso con i prodotti dell’azienda, come formaggi e salumi.

mangiare in malga-tagliere di salumi

Molte malghe si possono raggiungere facilmente in macchina, spesso su strade sterrate ma tenute molto bene, e sono quindi una meta ideale per tutti. Ad altre si arriva con brevi passeggiate o anche camminate più impegnative, un’ottima scusa per gustarsi all’arrivo un bel piatto di polenta o una birra fresca.

birra in malga

Ci sono addirittura alcune malghe aperte anche nel periodo invernale, principalmente nei weekend, per offrire qualcosa di caldo a tutti gli amanti dello sci o delle gite sulla neve.

Molto spesso si possono anche acquistare i prodotti caseari preparati sul posto, come formaggi, burro e panna fresca, per tornare a casa con qualcosa di davvero speciale.

Ma non è tutto qui, la malga è un mondo da scoprire, tra animali che corrono liberi e montagne meravigliose. I paesaggi sono da favola, l’aria fresca di montagna rigenera il corpo e lo spirito, e si torna a valle felici portandosi dietro un sorriso e tante cose buone.

formaggi di malga

 

Le malghe in Val di Non

In Val di Non le malghe sono davvero tantissime. Se ne trovano in tutte le montagne che circondano la valle, dal Brenta, alle Maddalene, alla Costiera della Mendola.

Molte si possono raggiungere in macchina, e possono essere una meta per il pranzo o la merenda, o un ottimo punto di partenza per una passeggiata in montagna. In Val di Bresimo si raggiungono in macchina la Bordolona e la malga Preghena, in Predaia si arriva alla malga di Coredo.

Altre si possono raggiungere a piedi facendo brevi o più lunghe passeggiate, un esempio perfetto è il giro delle malghe di Proves di cui vi abbiamo già raccontato.

Sul monte Roen si può fare un bellissimo giro a piedi o in mountain bike tra le malghe di Sanzeno, Don, Amblar e Romeno.

Si può pensare anche a camminate più lunghe e impegnative, per raggiungere malghe in luoghi veramente spettacolari, come può essere l’itinerario che sale a malga Tuena dal lago di Tovel.

malga tuena-massimo moratti

 

 

Credits: per l’ultima foto nel testo Massimo Moratti, per tutte le altre immagini I Love Val di Non.

 

Cosa ne pensi?
Redazione

Redazione

Creiamo progetti per il web, elaboriamo idee e strategie per il web marketing, esploriamo i social media e sviluppiamo contenuti. La Val di Non l'abbiamo conosciuta, studiata, amata. Ve la raccontiamo in un modo tutto nuovo. Per sapere cosa possiamo fare per la tua azienda Clicca qui

Potrebbero interessarti anche...