Come fare i canederli, dei quali non potrete più fare a meno

canederli-ricetta della nonna
Come fare i canederli, dei quali non potrete più fare a meno
4.8 (96%) 15 votes

Uno di quei piatti che ti rimette al mondo e, almeno per chi è cresciuto da queste parti, suggerisce ricordi belli. Se devi coccolarti con il cibo, che sia con qualcosa di morbido, gustoso e tremendamente appagante, come un piatto di canederli d’inverno insomma.

come fare i canederli- ricetta della nonna

Come altri piatti della tradizione contadina, i canederli sono tra quei piatti realizzati per non sprecare nulla, recuperare gli avanzi e per questa ragione, in fondo, sempre attuali.

La nonna che cucina le nostre ricette infatti, i canederli li fa solo quando ha da parte il pane avanzato di qualche giorno, ma se per caso una voglia insana vi prendesse e foste sprovvisti di pane raffermo, in molti panifici lo troverete in sacchetti, già tagliato a cubetti.

La tradizione di casa è certamente più vicina al gustare i canederli in brodo, ma potete anche provare ad assaggiarli con il burro fuso, il procedimento non è diverso, dovete solo scolare il canederlo dal brodo.

come-fare-canederli

 

Ingredienti per canederli

  • pane raffermo circa 800-1000 gr
  • 4 uova
  • 170 g di farina
  • 500 ml di latte
  • 1 lucanica, 1 o 2 hg di speck o pancetta (o tutti e tre o uno solo dei tre)
  • 2 cucchiai di prezzemolo tritato
  • pizzico di sale
  • brodo di carne o verdure fatto in casa 2 litri ca.

Gli ingredienti indicati sono per 5 persone.

 

Guarda la video ricetta dei canederli!

 

Come fare i canederli, la ricetta della nonna

Tagliate il pane raffermo a cubetti aiutandovi con un coltello per il pane e un tagliere, per poi metterlo in una ciotola ampia.

Quindi aggiungete il latte. Con le mai amalgamate pane e latte e lasciate riposare per almeno un’ora, ma se avete modo di farlo riposare più a lungo andrà benissimo, anche una notte intera.

Una volta lasciato riposare, sbattete velocemente le uova e aggiungetele al pane ammorbidito e mescolate con le mani.

A questo punto aggiungete poi la farina. Fate attenzione con la farina perché è quella che determinerà la consistenza del canederlo, se eccedete rischiate che i vostri canederli diventino troppo duri. Di solito qui l’esperienza è fondamentale, quindi facendoli un po’ di volte migliorerete sempre di più.

canederli-impasto

La base dell’impasto è quasi pronta, a questo punto rimangono da aggiungere gli ingredienti che daranno più sapore ai vostri canederli.

Tagliate a pezzettini molto piccoli lucanica, speck e/o pancetta e aggiungeteli al composto. Mettete anche il prezzemolo e un pizzico di sale. In alternativa potete anche preparare dei canederli in versione vegetariana, sostituendo lo speck con dei tocchetti di formaggio saporito, e arricchendo l’impasto con spinaci o foglie di tarassaco.

Ecco, ci siamo quasi! Una volta ottenuto un composto piuttosto morbido, con le mani realizzate come delle polpette grandi quanto il palmo della vostra mano.

canederli da cuocere-ricetta

 

Come cuocere e servire i canederli

I canederli si cuociono in brodo, che potete fare come da vostra abitudine. Lasciate bollire il brodo poi mettete i canederli (con attenzione per evitare che il brodo bollente non schizzi), quando vengono a galla lasciateli per altri 10 minuti circa a cuocere.

I canederli si servono caldi con un po’ del brodo di cottura, eventualmente con una spolverata di formaggio. Sono ottimi anche asciutti, se volete provarli, basterà scolarli dal brodo, aggiungere un po’ di grana grattugiato, burro fuso e due foglie di salvia.

Buon appetito!

canederli confronto-burro e brodo

 

Potrebbe interessarti…

Un’altra idea per riutilizzare il pane secco: la nostra ricetta per fare gli strangolapreti.

 

 

Credits: per la seconda immagine del testo Denise Bonvicin, per tutte le altre immagini I Love Val di Non.

Redazione

Creiamo progetti per il web, elaboriamo idee e strategie per il web marketing, esploriamo i social media e sviluppiamo contenuti. La Val di Non l'abbiamo conosciuta, studiata, amata. Ve la raccontiamo in un modo tutto nuovo. Per sapere cosa possiamo fare per la tua azienda Clicca qui

Potrebbero interessarti anche...